ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI DOUBLE B
{ Double never spams }
INCI & Ingredienti

L’ingrediente peggiore nei cosmetici

18 Marzo, 2014

C’è un ingrediente segreto che non compare nell’INCI di nessun cosmetico e che è molto più dannoso di siliconi e petrolati. TUTTE le case cosmetiche lo utilizzano in abbondanza e nessuna legge le obbliga a dichiararlo. E’ dannoso non solo per la nostra pelle, ma anche per la nostra salute mentale. Si chiama Photoshop.

La “crema-miracolo” non esiste, chi ti promette il contrario mente. Il guaio è che non si limitano a prometterlo: te lo mostrano. Modelle e attrici dalla pelle perfetta, senza un brufolo, un punto nero, un poro dilatato. Senza una linea sul viso — nemmeno quelle di espressione — senza una ruga, con zigomi polposi come frutti, la fronte distesa e neppure una lieve ombra sotto gli occhi. Ah, ovviamente non sono mai lucide nella zona T.

E’ tutto finto.

Tutto.

E la cosa peggiore è che noi — pur sapendolo, perché non siamo cretine — ci ostiniamo a voler raggiungere quella perfezione illusoria, che nella realtà non esiste. E quindi dagli a correttore pieno di siliconi per mascherare il brufoletto che è comparso sul mento (e che certo non migliorerà se lo soffochiamo sotto uno strato di petrolato), spalmiamo a piene mani la nuova crema che promette….beh in pratica di tutto, ma senza mantenere nulla.

L’unico modo per difendersi è quello di ricordarsi che le grandi case cosmetiche investono l’80% del loro budget in due cose: studio della profumazione e marketing (inclusi i cachet milionari della star di turno). Ovvio che una crema pubblicizzata dal faccino adorabile di Keira Knightley sembri la panacea a tutti i problemi di pelle, ma non lo è, perché per averne un guadagno il rimanente 20% non viene certo speso per acquistare materie prime di qualità!

Vai in profumeria, prendi dallo scaffale una qualunque crema di una qualunque casa cosmetica famosa — Chanel, Dior, Clarins, Clinique….scegli tu — e leggi l’INCI: ti sfido a trovare un prodotto che non abbia al secondo posto (dopo “aqua”) un petrolato, la paraffina o un silicone. Poi magari uno 0,3% di ingrediente naturale ce lo mettono pure (se no come fanno a scriverlo sull’etichetta?!) ma lo troverai agli ultimi posti della lista.

Apriamo gli occhi, leggiamo l’INCI invece degli slogan e smettiamola di credere che quella boccetta di crema che costa €100 per 30ml ci darà la pelle di Gisele, il sedere di Belen, le gambe della Klum e i capelli della Casta. E se poi proprio desideri la perfezione, chiama un fotografo professionista e fatti fare un servizio fotografico con tanto di ritocco Photoshop: costa meno, è più divertente e non ti rovina la pelle!

P.S. Questo è un estratto della mia Newsletter settimanale, che arriva tutti i lunedì. Se ti è piaciuto puoi iscriverti qui. Se invece vuoi tornare al mio sito puoi cliccare qui.


 

Vuoi iscriverti alla mia newsletter? Clicca qui!, oppure se vuoi puoi visitare il mio Shop Online

 


You Might Also Like